Castellammare del Golfo

In questa sezione troverete tutti gli indirizzi con eventuali numeri di telefono di tutti i servizi utili all’arrivo e durante il soggiorno a Castellammare del Golfo

-AMBULANZA, CARABINIERI, POLIZIA, VIGILI DEL FUOCO  numero unico 112

-GUARDIA MEDICA via Duchessa 3, Castellammare del Golfo 0924.599681

-PRONTO SOCCORSO Alcamo, via Crispi 116

-GUARDIA COSTIERA via Don L. Zangara 23 tel. 0924.31261

-FARMACIA  www.farmaciediturno.org

-SOCCORSO STRADALE ACI Tel. 803.116

-MUNICIPIO  www.comune.castellammare.tp.it

-BANCHE Corso Giuseppe Garibaldi, Castellammare del Golfo

-POSTA via Verdi 42, Castellammare del Golfo

-STAZIONE BUS  via della Repubblica/via Donizetti

-STAZIONE TRENO SS187 CONTRADA MAGAZZINAZZI – direzione Alcamo Marina


Castellammare del Golfo

In tutto il golfo, la SPIAGGIA PLAYA di Castellammare del Golfo è sicuramente la più rinomata nonché la più frequentata.

 

La spiaggia di sabbia dorata si estende per circa 1,5 km con un mare trasparente con stabilimenti balneari che offrono tutti i confort, alternati da spiaggia libera.

Il fondale è sabbioso e per nuotare dovrete prima camminare un pochino. Negli ultimi anni diversi lidi si sono adoperati per rendere l’esperienza di soggiorno più animata offrendo diverse attrattive oltre al solito noleggio di pedalò, bananoni e  canoe, con acquascooter e paracadute ascensionale.

Quello di cui avete bisogno è solo il telo mare, infradito e protezione solare. Ci si arriva agevolmente a piedi dal centro camminando per circa 1,5 km.

ATTENZIONE all’ultimo tratto della statale che non prevede un passaggio pedonale. In alternativa dal centro (STAZIONE BUS o PIAZZA PETROLO) ci sono i bus navetta che portano in spiaggia.

La soluzione più comoda resta sicuramente il noleggio dello scooter che per fortuna dà la possibilità di parcheggio gratuito o per i più sportivi il noleggio bici. In auto fate attenzione ai parcheggi in striscia blu che prevedono l’acquisto del tagliando (SOLO CON MONETINE) oppure potete parcheggiare in uno dei parcheggi privati ad ore (PAGHI E TI TOGLI IL PENSIERO).

Potrete in alternativa optare per la spiaggia di ALCAMO MARINA, meno servita e frequentata dai residenti. Nella zona centrale di Castellammare del Golfo c’è in alternativa la spiaggia di
CALA PETROLO, molto piccola e sassosa, adiacente al castello. Vi si accede da alcune scalinate da PIAZZA PETROLO ed offre mare calmo e fondali suggestivi.

La SPIAGGIA di GUIDALOCA

dista circa 8 km dal centro di Castellammare del Golfo  e la sua particolarità è questo tappeto di sassi bianchi di circa 700m.

Ci sono lidi dove è possibile noleggiare lettini ed ombrelloni oppure ristorarsi. È raggiungibile facilmente sia con i mezzi che in auto percorrendo la statale SS187 direzione Trapani e svoltando in direzione SCOPELLO è la prima spiaggia che incontrate ed ha sia un parcheggio con strisce blu oltre a quelli privati.

È l’ideale per gli amanti delle spiagge di ciottoli, ha tutti i servizi, offre una suggestiva esperienza con il suo fondale che diventa subito molto alto, quindi fate attenzione con i bambini.

Armatevi di scarpe scoglio e maschera, se siete amanti della pesca in apnea qui ci si diverte molto nella zona più scogliosa.

Castellammare del Golfo

La zona del centro con le sue scalinate che conducono al porto turistico ed al castello è senza dubbio quello che più affascina dal punto di vista storico ed architettonico. Percorrendo il Corso Garibaldi durante il giorno, ci si può svagare facendo dello shopping ed acquistare souvenir ed arrivare al punto di intersezione con il Corso Bernardo Mattarella chiamato “4 CANTI”.

 

Due di queste quattro vie sono pedonali ed è proprio da qui che inizia la movida serale e notturna, ogni sera si potrebbe cenare o fermarsi in un bar diverso per la moltitudine di queste attività.

La sera, per evitare traffico e parcheggi a pagamento, consiglio di sfruttare il servizio di navetta gratuita dal parcheggio del cimitero.

Girando per il centro sicuramente vi imbatterete in una scalinata che potrebbe aiutarvi a digerire meglio le prelibatezze culinarie che offre Castellammare del Golfo.

La particolarità è che quasi tutte le scalinate conducono in direzione del porto turistico e vi consiglio di soffermarvi sui mini paesaggi che si vanno formando. Il porto turistico è la zona più movimentata di Castellammare del Golfo, dalle prime luci dell’alba con i suoi pescatori che rientrano con il pescato, via via per tutte le casette di noleggio barche o escursioni per SCOPELLO, RISERVA e SAN VITO, piuttosto che per i suoi bar e ristoranti che negli anni hanno sviluppato particolare accortezza nei confronti dei turisti.

Prestate attenzione agli orari e ai giorni della ZTL di via Don L. Zangara.

Ora che siete qui, sicuramente ve ne siete accorti, c’è un particolarissimo Castello Arabo Normanno, simbolo indiscusso, da cui prende il nome la città.

Il castello con il suo piazzale pedonale e i suoi scogli frangi onda sono una piccola delizia, soprattutto se capitate nel periodo della rievocazione storica a luglio o della festa del paese e quindi riuscire ad assistere ai fuochi di artificio (19-21 Agosto)

Per chi avesse esigenze specifiche per lo shopping, la vicina ALCAMO offre una moltitudine di negozi di abbigliamento nei sui viali principali.

Castellammare del Golfo

La RISERVA NATURALE ORIENTATA DELLO ZINGARO è uno dei pochissimi tratti di costa siciliana che non è contaminata dalla presenza di una strada litoranea. Si estende per circa 7km dal comune di Castellammare del Golfo fino a quello di San Vito Lo Capo e vi si può accedere da entrambi i lati.

 

Nata come riserva naturale, quindi per proteggere fauna e flora, è in realtà meta turistica grazie al suo percorso tra sentieri e alle sue emozionanti calette dove è possibile fare SNORKELING e VIDEOSUB.

Vi si arriva sempre percorrendo la SS187 direzione Trapani, svoltando in direzione SCOPELLO e quindi percorrendo a velocità moderata tutta questa strada che termina appunto con l’accesso alla riserva.

Poco prima troverete il cartello a destra che indica Mazzo di Sciacca, la prima caletta della riserva che ha un accesso indipendente, vi si può arrivare molto vicino in auto ed ha sia il parcheggio a pagamento che un piccolo lido con punto ristoro.

RISERVA NATURALE ORIENTATA DELLO ZINGARO CASTELLAMMARE DEL GOLFO

Tornando all’accesso della riserva, pagato l’ingresso, puoi iniziare questa fantastica esperienza passando da una larga strada attraverso una grotta a uno stretto e faticosamente insidioso sentiero. Il percorso è caratterizzato da salite e discese su terra e sabbia, gradini per accedere alle calette e alcuni ma non moltissimi punti d’ombra

Vi consiglio di seguire questi accorgimenti:

-Prendete una mappa delle calette all’ingresso, è gratis

-Indossate scarpe da tennis o trekking (la sera le dovrete lavare)

-Prima di partire da casa/hotel munitevi di una bottiglia d’acqua a testa

-Scarpe scoglio, maschera e pinne per i fondali e la moltitudine di pesci

Chiedete info sempre all’ingresso per il minutaggio tra una caletta e l’altra, la prima dopo 10 min dall’ingresso, la seconda a più di mezzora dalla prima (dipende dal vostro passo) e via di seguito.

Castellammare del Golfo

Scopello, piccola località del comune di Castellammare del Golfo, è un piccolo ed incantevole borgo marinaro, suddiviso in due zone, ovvero il Baglio e i Faraglioni.

 

La zona più alta, il Baglio, si organizza intorno alla piazza centrale che crea letteralmente un percorso tra artigiani e passato

La zona dei Faraglioni, incorniciati dall’antica Tonnara, rende questo luogo unico e disarmante, con i suoi fantastici fondali ed il museo marino (per poter accedere al sito, è necessario possedere un brevetto subacqueo di primo livello ed essere accompagnati da una guida specializzata)

Proprio i Faraglioni sono stati a lungo, panorama di svariate pubblicità televisive.

Vi si arriva sempre percorrendo la SS187 direzione Trapani, svoltando in direzione SCOPELLO e dopo GUIDALOCA trovate le indicazioni a sinistra per il BAGLIO oppure poco più avanti un parcheggio a pagamento per i FARAGLIONI, che lasciata l’auto e svoltate due curve vi farà dimenticare dove avete parcheggiato. Anche qui c’è da pagare l’ingresso in quanto la struttura è di un privato, se l’idea non vi garba, ricordate che ci potete arrivare via mare noleggiando un imbarcazione o partecipando ai vari tour organizzati dal PORTO TURISTICO.

 

 

Castellammare del Golfo

CALA BIANCA è facilmente raggiungibile seguendo queste indicazioni:
Vi si arriva sempre percorrendo la SS187 direzione Trapani, svoltando in direzione SCOPELLO, subito dopo la prima curva a sinistra, troverete una strada semi-sterrata in cemento grigio/bianco a destra (se fate caso prima della curva c’è un cartello marrone ma è stato vandalizzato).

Questa strada conduce ad un bivio, quello di destra porta alla caletta più grande, parcheggiata l’auto a circa 200m, percorrete il sentiero sempre con scarpe da tennis o trekking e vi farete un bagno in un  piccolo paradiso; il bivio di sinistra lasciata sempre l’auto a pochi centinaia di metri, vi farà scorgere un sentiero più agevole ma che conduce ad una caletta più piccola e agli scogli.

-Anche CALA ROSSA è facilmente raggiungibile, percorrete sempre la SS187 direzione Trapani, svoltando in direzione SCOPELLO e procedete dritto fino a giungere alla spiaggia di GUIDALOCA.

Poco prima noterete una viuzza sulla destra, asfaltata, con il cartello marrone -> CALA ROSSA che indica la direzione, se avete fortuna troverete parcheggio poco più avanti, in alternativa c’è un parcheggio a pagamento.

Quindi sempre con scarpe da tennis potrete avventurarvi per questo sterrato, interdetto alle auto dei non residenti, farete la prima sosta per le fotografie sulle panchine colorate, successivamente troverete una scalinata con corrimano in legno che  vi condurrà in questo piccolo paradiso che può ospitare pochissimi bagnanti.

Fate ATTENZIONE agli ultimi gradini che garantiscono l’accesso e al passaggio sugli scogli per giungere sulla spiaggia di sassi… Inutile dire di portare scarpe scoglio e maschera.

BAIA LUCE e CALA DELL’OVO sono due calette confinanti e comunicanti che distano centinaia di metri dai faraglioni di SCOPELLO.

Il consiglio è quindi sempre quello di parcheggiare prima dei faraglioni e farvi una passeggiata fino alle indicazioni su delle cancellate che riportano il nome di BAIA LUCE e CALA DELL’OVO, l’ingresso è consentito a piedi almeno che non soggiorniate in una casa vacanze di questo complesso.

La prima con accesso tra due muretti, ed un piccolo tratto su terriccio, disegna una rampa in discesa molto ripida in cemento che vi farà scorgere una bellissima cartolina, giunti in fondo tenete la sinistra e siete arrivati.

Se percorrete il piccolo sentiero che conduce in alto verso PUNTA PISPISA potrete raggiungere da qui anche CALA DELL’OVO

-FOSSA DELLO STINCO è sicuramente la tappa più avventuriera nonché la più faticosa insieme alla riserva, quindi in caso ricordate che ci potete arrivare via mare.

Quello che vi aspetta sotto è un piccolo paradiso, una spiaggia di ciottoli e tranquillità, spesso è tappa di chi arriva dal mare.

Nel pomeriggio la spiaggia si inombra quindi è preferibile visitarla al mattino.

Non è una meta per tutti, fatevi consigliare o visitatela prima in barca.

 

Castellammare del Golfo

Per il vostro meritato relax questa tappa è fondamentale, la piscina d’acqua sulfurea con temperatura che varia dai 37° ai 39° offrono innumerevoli benefici psicofisici e rigeneranti.

 

La struttura che prevede l’obbligo della cuffia è chiusa il lunedì mattina e il giovedì, ma eventualmente potrete avventurarvi nella piscina naturale poco distante per farvi i fanghi… MA ATTENZIONE… a zanzare e superfici scivolose.

Con il navigatore arrivate digitando “Contrada Ponte Bagni 1, Castellammare del Golfo” oppure imboccando la SP2 e procedendo sempre dritto fino alla struttura che troverete sulla sinistra, sulla SP2 guidate con prudenza, ci sono molte curve ed avvallamenti.

 

 

Se avete deciso di trascorrere le vacanze a Castellammare, sicuramente avete preso in considerazione di fare tappa a FAVIGNANA LEVANZO e MARETTIMO

Niente di più semplice se seguite questi consigli:

-prenotate in agenzia viaggi o on-line, la data e l’orario dell’aliscafo o del traghetto da TRAPANI per una di queste fantastiche isole delle EGADI

-imboccate l’autostrada in direzione Trapani e successivamente proseguite per il porto, parcheggiata l’auto nelle fatidiche strisce blu, assicuratevi di avere almeno una bottiglia d’acqua a testa, panini, frutta, scarpe da tennis, scarpe scoglio, maschera, protezione solare e un cappello per proteggervi dal sole

-siate più che puntuali, anzi tenetevi almeno 30min di margine perché da dove parcheggerete fino all’imbarco dovrete camminare un po’, se non avete il biglietto le code sono spesso lunghissime

-se vi fermate a FAVIGNANA vicino al porto, finito di ammirare la tonnara, potrete noleggiare bici/bici-elettriche/scooter, prendete una cartina dell’isola e fissate almeno 3 obiettivi (CALA ROSSA, CALA AZZURRA, BUE MARINO, LIDO BURRONE) il tratto intorno al centro, che vi consiglio di visitare, è asfaltato, attenzione alle poche auto e ai bus

-a differenza di Castellammare, queste sono acque del Mar Mediterraneo e quindi molto più fredde, perciò non fate lunghi bagni, se siete amanti dei tuffi troverete parecchi trampolini naturali, in alternativa scendete con cautela verso il mare

Ogni caletta offre delle suggestive cartoline, con sfondi e colori fantastici

-bevete spesso piccole quantità d’acqua o rinfrescatevi con dei prodotti locali acquistabili nei truck vicino alle calette

LEVANZO E MARETTIMO sono l’ideale per gli amanti di posti incontaminati, con le sue grotte visionabili salendo a bordo di qualche peschereccio e anche per gli amanti del trekking, sono molto meno turistiche, quindi uniche

In ogni caso tenete d’occhio l’orologio per il viaggio di ritorno.

SAN VITO LO CAPO è senza dubbio la spiaggia sabbiosa più bella nonché turistica.

Quindi preparatevi a code per parcheggiare e spazi vitali ridotti. Vale la pena visitarla, pranzare magari in centro o a bordo spiaggia o farvi consegnare il pranzo all’ombrellone in spiaggia (si giuro è vero).

 

La spiaggia è senza dubbio attrezzatissima ed offre svariate distrazioni ed attività. Il centro è ricco di negozi e locali, frequentatissima soprattutto la sera, dove poter fare shopping o godersi una passeggiata.

La piazza è spesso animata con concerti e spettacoli, mentre nei locali in spiaggia i giovani si incontrano per gli Happy Hour .

Anche da San vito si può accedere alla riserva dello Zingaro o optare per quella di Monte Cofano altrettanto affascinante.

Senza dubbio l’evento più atteso di SAN VITO è il COUS COUS FEST a settembre. Per arrivare a San vito prendete la solita SS187 direzione Trapani e successivamente la SP16 per San Vito, se non avete il navigatore prestate attenzione ai cartelli. Nell’ultimo tratto di strada prestate attenzione quando vi trovate a MACARI, vi consiglio una sosta o all’andata o al ritorno anche per delle foto.

Parcheggiata l’auto, guardando il mare e andando verso destra, troverete delle fantastiche insenature dove poter scendere in acqua oppure procedere a piedi verso la caletta del BUE MARINO, premiata nel 2016 dal concorso di Legambiente

“LA Più BELLA SEI TU”

SAN VITO offre anche moltissime sagre, io vi consiglio di dare un occhiata qui:

https://www.sanvitoweb.com/calendario-eventi.php

 

 

Se volete fare un salto nel passato o rinfrescarvi dalla calura, MONTE ERICE è il posto ideale in quanto nel 2014 è stata insignita della bandiera rossa dei borghi più belli d’Italia, si trova a 751 m sul livello del mare e ci arriverete in circa 1h d’auto

La cittadina sembra ricongiungersi alle sue radici mitiche e dona al viaggiatore la sensazione di essere giunto in un luogo fuori dal tempo e dalla realtà.

L’atmosfera medievale, l’aria fresca, le belle pinete che la circondano, la tranquillità che vi regna e l’artigianato locale la rendono una delle mete privilegiate dai turisti. Per arrivare avete due alternative, percorrendo la SS187 fino a VALDERICE e a questo punto seguire le indicazioni e svoltare a destra per ERICE in via Erice, in alternativa dirigetevi a Trapani e imboccate la SP31 fino alla STAZIONE DI VALLE FUNIVIA TRAPANI-ERICE.

Comoda e veloce la telecabina a 8 posti percorre il tragitto in soli 10 min con una bellissima vista panoramica su Trapani e le Egadi

 

“O amici, che la grande città lungo il biondo Akragas abitate nell’alto della polis, occupati in opere buone, venerabili porti di stranieri, inesperti di cattiveria, salve! Io tra voi come un dio imperituro, non più mortale, cammino onorato da tutti, come pare, cinto di nastri e di corone fiorite…”

Voglio aggiungere molto poco, oltre alle indicazioni e ai consigli. Imboccate l’autostrada prima in direzione Trapani e poi proseguite per Mazara Del Vallo, uscite a Castelvetrano e imboccate la SS115 in direzione Agrigento e seguite le indicazioni per la VALLE DEI TEMPLI.

Partite vestiti comodi, con scarpe da tennis, un cappello ed acqua, in auto ci vogliono circa 2h. Nel viaggio di ritorno consiglio di fare tappa alla SCALA DEI TURCHI, in località Realmonte, ne vale la pena soprattutto al tramonto.

 

Le attività da poter svolgere a Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018 sono innumerevoli, quindi non posso far altro che elencarvele e lasciare a voi la scelta.

-MERCATI dei “carnizzeri e pisciaiuola”

VUCCIRIA, BALLARO’, IL CAPO, BORGO VECCHIO

-MUSEI e CENTRO

TEATRO MASSIMO, PALAZZO DEI NORMANNI, I QUATTRO CANTI,

FONTANA PRETORIA (piazza della vergogna), CATACOMBE DEI CAPPUCCINI,   MONASTERO LA MARTORANA, LA ZISA, CATTEDRALE DI PALERMO, SANTA MARIA DELLO SPASIMO, SANTUARIO DI SANTA ROSALIA

 

Dal Belvedere di Castellammare del Golfo, superata l’area di sosta, svoltando a sinistra si può salire il versante orientale di Monte Inici.

Sulla cima si possono osservare le caratteristiche “niviere”, grandi cavità artificiali nelle quali, in antichità, veniva conservato il ghiaccio.
Dal punto di vista geologico il Monte Inici è particolarmente interessante perché, grazie all’azione delle acque sulfuree e di quelle piovane si sono venute a creare numerose grotte, che offrono al visitatore un uno spettacolo suggestivo.

La grotta si caratterizza per la presenza di stalagmiti e stalattiti che creano incredibili giochi di forme e di colori ed offrono uno spettacolo tanto suggestivo quanto bizzarro Consiglio la visita guidata con l’associazione CAI.

 

Si chiamava Segesta un’antica città, non più abitata, fondata dagli Elimi e situata nella parte nord-occidentale a pochi km da Castellammare.

Di particolare bellezza nel parco archeologico sono il tempio, in stile dorico, e il teatro, in parte scavato nella roccia della collina.

Da sempre in guerra con Selinunte che oggi costituisce il Parco archeologico più grande d’Europa. I ruderi della città si trovano sul territorio del comune di Castelvetrano, nella parte meridionale della provincia di Trapani. Il cretto di Burri o cretto di Gibellina è il nome con cui è conosciuto il “Grande Cretto”, un’opera di land art realizzata sul posto da Alberto Burri tra il 1984 e il 1989 completata nel 2015, nel luogo in cui sorgeva la città vecchia di Gibellina, completamente distrutta dal terremoto del 1968.

Le SALINE DELLO STAGNONE sulla strada che da Trapani conduce a Marsala, costeggiando la laguna che accoglie Mozia, la costa è fiancheggiata da saline che offrono una vista bellissima: gli specchi d’acqua suddivisi da sottili strisce di terra formano una scacchiera irregolare e multicolore.

A tratti compare nel mezzo la sagoma di un mulino a vento, memoria del tempo in cui esso era uno degli strumenti principali per pompare acqua e macinare il sale.

Lo spettacolo è ancora più suggestivo in estate, al momento della raccolta, quando le tinte rosate dell’acqua nelle varie vasche si intensificano e le vasche più interne, ormai prosciugate, brillano al sole.

 

SIETE IN SICILIA QUINDI SCORDATEVI DIETE E REGIMI ALIMENTARI

Non voglio consigliarvi dei posti specifici, il cibo è buono ovunque.

Quindi le cose da assaggiare e gustare alternate da lunghe passeggiate sono:

-ARANCINA in questa parte della Sicilia è femmina, di carne o al burro

-PANE E  PANELLE semplici ed eccezionali frittelle di farina di ceci

-PANE CUNZATO a SCOPELLO è tra i più buoni

-IL COUS COUS di pesce, tipico di questa zona

-BUSIATE PISTACCHI E GAMBERI i ristoranti ne offrono parecchie varianti

-PASTA CON PESTO ALLA TRAPANESE l’aglio non ha mai fine

-ANELLETTI AL FORNO li trovate anche come piatto da asporto

-INVOLTINI DI PESCE SPADA una vera delizia

-PESCE in ogni sua variante spesso è fresco di giornata

-PIZZA SFINCIONE non è pizza ma è sfincione

-STIGGHIOLA è uno spiedino con budello di agnello, tipico della cucina palermitana

-PANE CON LA “MEUSA” che non è una medusa ma MILZA di vitello

-CANNOLO beh chi non lo conosce, la ricotta è eccezionale

-CASSATA una torta tipica sempre alla ricotta

-CASSATELLE piccole frittelle con ricotta calda

-DOLCI ALLE MANDORLE tipici di questa zona

-LA BRIOCHES CON IL GELATO, è quasi un pasto completo, poi capirete

Castellammare del Golfo

Altre Destinazioni

Trapani

Sanvito lo Capo

Palermo

Cefalù

SEI PROPRIETARIO DI UNA CASA VACANZA O DI UN B&B?

SCARICA IL VOLANTINO CON QR-CODE, STAMPALO ED ESPONILO.

I TURISTI TI SARANNO GRATI

Volantino A5 CastellammareDelGolfo

it Italiano
X